Scuola Yaloké – Coesione sociale

In Repubblica Centrafricana, nella prefettura di Ombella-M’Poko sulla via di Bossembélé, l’Associazione Amici per il Centrafrica è presente con il proprio operato a Yaloké.

La comunità, circa 46.000 abitanti, ha subito per anni conflitti, distruzioni e saccheggi che hanno portato ad un contesto di povertà estrema. Difficile il ricostruire tutto ciò che si è perduto.

Nel 2008 le suore della congregazione missionaria Saint Paul de Chartres hanno dato un aiuto concreto ai più deboli, radunando circa 350 bambini in classi di fortuna: nella sacrestia e in chiesa.

Nel 2009 l’Associazione Amici per il Centrafrica si è attivata per la costruzione della Scuola di Yaloké, inaugurata nel febbraio 2011: sei aule arredate con banchi, armadi, cattedre e materiale didattico. Attualmente la nostra scuola è frequentata da 523 alunni tra i quali 35 di etnia Peul.

La scuola di Yaloké rappresenta un importante e significativo progetto di coesione sociale tra la popolazione locale e l’etnia Peul, allevatori transumanti alla ricerca di aree destinate all’allevamento di mandrie di mucche. I Peuls, considerati come “gli schiavi degli schiavi”, dopo la guerra civile del 2013, si sono stabiliti a Yaloké. Vedendo le condizioni di assoluta povertà in cui sono costretti a vivere, l’Associazione Amici per il Centrafrica ha deciso di dar loro la possibilità concreta per un riscatto sociale garantendo loro: cure sanitarie ed istruzione scolastica ai bimbi Peuls che possono frequentare la scuola cattolica di Yaloké. Quindi l’istruzione diventa il mezzo di coesione e condivisione tra 2 popolazioni così diverse tra loro: comunità locale ed etnia Peul, religione cattolica e religione musulmana.

Il nostro sostegno

L’associazione Amici per il Centrafrica, in accordo e con il sostegno del parroco e del cardinale di Bangui, garantisce un aiuto concreto:

  • occupandosi della retta scolastica dei bimbi Peuls, che altrimenti non potrebbero accedere alla scolarizzazione e alla conseguente possibilità di credere in un futuro migliore
  • garantendo le cure sanitarie di base ai bimbi Peuls
  • mettendo a disposizione un direttore scolastico, formato nella nostra Scuola di Formazione Jean Paul II, unica struttura qualificata per la formazione del corpo docenti presente in Centrafrica
  • attivando, entro il 2020, un progetto di formazione del corpo docenti della Scuola di Yaloké, assicurando così una formazione di qualità agli stessi insegnanti
  • promuovendo, entro il 2020, l’attivazione del progetto di “allevamento di bestiame bovino” finalizzato al garantire una propria forma di lavoro e di sostentamento non snaturando così l’identità della stessa etnia Peul, da sempre popolo dedito all’allevamento.

centrafrica, coesione, istruzione, scuole

Come sostenerci?

Iscriviti alla nostra Newsletter