Associazione

Amici per il Centrafrica Onlus è un’associazione laica costituita nel 2001 per esprimere una partecipazione responsabile e solidale verso chi vive nella povertà.
L’impegno della Onlus si concretizza al fianco di quello profuso dai missionari a favore del popolo della Repubblica Centrafricana, soprattutto, e dei Paesi più disagiati dell’Africa subsahariana offrendo loro istruzione, cure, sostegno al lavoro e formazione per accompagnarlo verso una completa autosufficienza.
L’Associazione, composta da volontari che partecipano gratuitamente alle attività in Italia e in Africa, è sostenuta dalla solidarietà di amici e aziende, dalle erogazioni liberali di fondazioni e banche, dai contributi di enti pubblici e delle scuole,  che ne condividono lo spirito e la concretezza degli interventi.

Il nostro Statuto

LA NOSTRA STORIA

L’Associazione Amici per il Centrafrica si costituisce come onlus nel novembre del 2001, ma la sua storia inizia nell’estate del 2000 nella foresta della Repubblica Centroafricana (RCA) quando Carla Pagani, nipote e ospite di suor Beniamina Pagani, visita la missione di Zomea dove le suore impegnano tutte le loro risorse nel soccorso ai Pigmei.
Quello rivestito da suor Beniamina Pagani nella storia di Amici per il Centrafrica è un ruolo tutt’altro che marginale. Originaria di Limido Comasco, dove nasce nel 1933, a soli 19 anni Beniamina decide di entrare nella congregazione delle missionarie comboniane. Nel 1962, qualche anno dopo la sua prima professione religiosa, avvenuta nel 1956, Beniamina parte per il Congo: lì vive un’esperienza di missione conclusasi con la ribellione dei Simba, e affronta un periodo di prigionia insieme a quattro consorelle. Specializzatasi in Belgio come ostetrica, dopo il rientro viene destinata alla RCA per occuparsi dei rifugiati sudanesi, configurandosi in questo senso come una delle pioniere.
Nel 1969 arriva infatti in Centrafrica, a Mboki, per occuparsi dell’ospedale costruito per i rifugiati sudanesi dalla Croce Rossa Internazionale. Successivamente suor Beniamina diviene la responsabile della Congregazione per Centrafrica e Ciad e apre diverse missioni per portare aiuto nella formazione, nella sanità e nei diritti umani. Dal 1999 suor Beniamina si impegna nell’apertura di una nuova missione di Zomea, a favore dei Pigmei Aka che vivono nella foresta sudoccidentale del paese, ai confini con il Congo. È lì che Carla si reca nell’agosto del 2000, rendendosi conto della difficile situazione e del forte impegno delle suore comboniane che però dispongono di pochi mezzi. È impossibile per lei vedere così tanta sofferenza e indigenza e fermarsi alla commozione, accettare e passare oltre, delegando a chi avrebbe il dovere di fare. Carla decide di fare qualcosa subito, e inizia l’impegno per la costruzione del piccolo Centro sanitario.
Al rientro in Italia il lavoro di sempre riprende, ma l’impegno non si ferma. Arrivano gli amici, le parole convincono, le immagini lasciano il segno anche in chi quei luoghi non li ha mai visitati. Inizia così una collaborazione di tanti che raccolgono materiali e risorse, mentre altri mettono a disposizione professionalità e conoscenze. In Lombardia, in Veneto e in Trentino si formano spontaneamente dei gruppi di lavoro che, in breve tempo, sono in grado di inviare container, attrezzature e altri volontari. Nasce l’associazione Amici per il Centrafrica.

LA NOSTRA MISSION

Crediamo che il miglioramento delle condizioni di vita dell’intera popolazione mondiale sia responsabilità di tutti. La crescita e l’abbattimento dei limiti di sviluppo di un popolo devono passare attraverso un percorso di consapevolezza verso le opportunità esistenti.
Le emergenze sanitarie, la povertà diffusa a causa dell’instabilità politica, sociale e strutturale, e la scarsa attenzione alla difesa delle minoranze non permettono alla popolazione dei paesi dell’Africa centrale di costruire solide basi su cui pianificare un futuro. Intendiamo, pertanto, esprimere una partecipazione responsabile e solidale verso i bisogni, il disagio e le speranze di chi vive nella povertà. La formazione e l’educazione scolastica e il diritto alla salute, a fianco di programmi di sviluppo delle attività produttive autonome, sono gli interventi che riteniamo possano aiutare queste popolazioni a prendere consapevolezza e procedere verso una condizione di vita migliore rispetto al presente. Il nostro impegno nei paesi dell’Africa Centrale si concretizza nella istituzionalizzazione di strutture didattiche che consentano l’alfabetizzazione e la scolarizzazione di tanti bambini, nella creazione e nel sostegno di strutture sanitarie che favoriscono il miglioramento dello stato di salute, nell’avvio di progetti economici per lo sviluppo agricolo e manifatturiero. Attraverso un’intensa attività di sensibilizzazione verso le disagiate condizioni delle popolazioni dell’Africa Centrale, ci poniamo l’alto obiettivo di implementare nei paesi del Centrafrica strumenti in grado di creare nel tempo condizioni di autosufficienza, progresso sociale ed economico.

TOP
newstone thème par casque beats pas cher! vous pouvez thègalement comme casque beats solo 2 et nike free run 5.0 pour casque beats pro Attendez un peu!